tempo

Cerca nel blog

venerdì 14 giugno 2013

Infinite diversità in infinite combinazioni ( seconda parte )

Io vivo da sola ora mai da 12 anni , mi sono spostata diverse volte : da prima a 18 anni in un pesasse vicino Mantova . Li vivevo con  marito e avevamo entrambi 18 anni . Il matrimonio andò in fumo dono soli 3 anni . In parte per l'inesperienza di entrambi ma dai via perché non sopportavo le continue interferenza dei suoi . Venivano a casa a quando ero a lavoro e mi trovavo le cose spostate , ogni volta era la caccia al tesoro per un paio di calzini . Per il matrimonio dei suoi amici ci regalarono un orrenda pianta di plastica che avevo messo in corridoio ; ma puntualmente se veniva sua nonna si spostava in sala e se veniva sua mamma in camera da letto . Un giorno ne avevo talmente tanto le palle piene di questa pianta munita di gambe la spostai in cantina …. ma dopo qualche settimana la ritrovarono e ricominciò la danza della pianta . Poi tutte ma proprio tutte la domeniche bisognava andare dai nonni a mangiare ( e a chi fregava se io avevo lavato i piatti in un ristorante fino alle due o anche le 3 di notte ?) alle 8:00 cominciavano le telefonate , e se non si rispondeva al telefono e vai con il campanello di casa . Praticamente non eravamo mai soli e l'aggettivo che il mio ex suocero amava era terrona ( per il figlio desiderava una del nord e possibilmente ricca). Poi un giorno dopo un scenata che mi fece mio suocero : presi le mi cose e dissi al mio ex di sposarsi con sua mamma , sua nonna e con tutta la sua famiglia che quel letto era troppo affollato e che non c'era spazio per me e me ne andai . Tornai per un breve periodo da mia madre e poi la svizzera. Non capisco perché in Italia non si sposano due persone ma due famiglie , perché tra la casa dei genitori e quella dei figli non può esserci una rispettosa distanza e se la coppia litiga devono arrivare tutti , ma se si fa sesso in due non ci si potrebbe scannare anche in due ?, no ci si deve impicciare tutti dei fatti degli altri . Questo è il mio timore più grande ad avere di nuovo una relazione con un mio connazionale . Lo svizzero per quanti problemi ho avuto con lui e di tutti i tipi non ne ho avuti mai di questo tipo. Io andavo a casa sua e lui veniva a casa mia , anche se litigavamo suo fratello o le sue sorelle non si sono mai sognate di telefonarmi per chiedermi spiegazioni .
Anche perché lui non era il tipo da raccontare i fatti suoi. Ma ora con il mio nuovo lui, ho paura dell'effetto tutti insieme appassionatamente ; allora lui ha un fratello più grande perennemente in merda perché ha una stronza che lo spolpa vivo e anche se lavora come un somaro non riesce a stare dietro ai debiti e una sorella sempre più grande di lui divorziata con due figlie ( la più grande indisponente come una vipera , maleducata nel risponder e manesca con la sorella minore , la più piccola ha paura anche della sua ombra )suo padre è camionista e quindi è sempre via e sua madre gestisce il circo da sola. La casa in cui vivono la stanno comprando sotto mutuo i due fratelli maschi , ma questo solo in teoria : visto che il fratello è al verde sta pagando il ragazzo e il padre. Vi faccio un esempio , la mattina la era una vero circo : le bambine facevano un casino infernale ( la più grande torturava la più piccola ) sua madre che le urlava dietro , suo fratello che urlava con i clienti al telefono . Praticamente un caos , io cercavo di non interferire e badavo solo a lui che aveva ( ha visto che ha ancora i gessi ) bisogno d'assistenza in tutto anche per andare in bagno. una sera io e lui eravamo a letto  ( ma era anche l'una di notte pasta) e sul più bello urla a sua mamma che doveva andare a sgridare le nipoti che non gli davano retta allora ci siamo ricomposti di gran corsa e via e così fino alle due di notte alla fine si sono addormentate le bambine e anche noi per lo sfinimento … anche se avremmo voluto sfinirci in un altro modo. Non credo che riuscirei mai ad adattarmi a vivere così . È l'esatto opposto di quello che mi è stato inculcato fin dall'infanzia. Per chi non ci crede sembrerà sciocco ma mi è stato predetto che nel mio futuro ci sarà una figlia. E questo mi spaventa molto , non riesco ad immaginarmi a vivere con lui e ancor meno ad avere dei figli con lui. Una relazione certo , forse anche un mio eventuale ritorno in patria per stargli più vicina. Ma non di più e poi lui come può uscire di casa se ha firmato per un mutuo che finirà di pagare ad occhi e croce a sessant'anni ?. Ma chiedere ad un figlio di firmare un mutuo non è come incatenarlo a casa e costringerlo al celibato ?. Forse sono io che sono troppo rigida ?, troppo strana e poco di famiglia. Ma non riesco a capire come le nostre diversità possano coesistere.

Il Passato

E' una curiosa creatura il passato
Ed a guardarlo in viso
Si può approdare all'estasi
O alla disperazione.

Se qualcuno l'incontra disarmato,
Presto, gli grido, fuggi!
Quelle sue munizioni arrugginite
Possono ancora uccidere!

- Emily Dickinson

Wicca

Scende la pioggia

Tu nel tuo letto caldo, io per strada al freddo
ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa,
crolla il mondo addosso a me
per amore sto morendo !
Amo la vita più che mai
appartiene solo a me,
voglio viverla per questo !
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
ora il dolore io non conosco
Quello che mi dispiace è quel che imparo adesso
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget