tempo

Cerca nel blog

venerdì 24 maggio 2013

Una Lunga discesa ( seconda parte)


Anche oggi è  una giornata scandita dalla pioggia e dal freddo , la mattinata è cominciata con la risonanza magnetica  dal medico, durante tutto il percorso di ritorno in tram la mia mente scavava nella memoria come un minatore tenace che scava alla ricerca dell’oro.
Ero rimasta al mio ritorno dall’Italia … quando tornai trovai subito un lavoro a tempo determinato  come commessa in un piccolo negozio , lo presi come un gran colpo di fortuna !. E per un po’ filò tutto liscio lavoravo uscivo con gli amici che mi erano rimasti e ogni quanto potevo scappavo in Italia da lui e lui di conseguenza da me ogni volta che poteva. Fu un periodo stupendo , mi piaceva il mio nuovo lavoro e il mio cuore volava alto … aspettavo con trepidazione ogni incontro , tutto aveva ripreso sapore anche nella piccole cose come una maggior attenzione per i dettagli anche andare a fare shopping con le amiche aveva ripreso il suo perché , la ressa ai banchi dell’intimo durate i saldi e il salire con il cuore in gola sul treno mentre un accecante passione mi spingeva a correre in avanti . Ma la calma non durò a lungo , il lavoro terminò e senza alcuna possibilità di potermi rivolgere alla disoccupazione mi ritrovai costretta  a rivolgermi all’assistenza sociale . E non fu proprio una passeggiata di salute . Mi spiego meglio , quando si finisce in sociale qui in Svizzera si sprofonda automaticamente sul fondo della  scala sociale forse un gradino più su di barboni e tossici , si diventa come appestati dai quali fuggire. E così fu ; gli amici che prima contavo sulle dita di entrambe le mani dopo potevo contarli su una mano sola . Ma non mi scoraggiai a testa bassa tirai avanti con tenacia e trovai una altro lavoro …. Un lavoro di merda ( per essere fini) in un hotel a pulire : sottopagato , private quasi di ogni diritto : 8 e anche 9 ore di fila senza pausa e senza neanche andare in bagno e non essendo proprio di costituzione robusta neanche un mese dopo mi ammalai … cominciò a gonfiarsi il braccio destro e fini in malattia e siccome il lavoro ad ore non prevedeva la malattia ; ripiombai in sociale. Siccome la sfortuna non arriva mai da sola la settimana scorsa il ragazzo, si è rotto entrambi i posi sul lavoro ed ora io bloccata qui aspetto il rinnovo della malattia per poter correre da lui . Ora seduta davanti al computer con la mia sigaretta che mi scivola da una mano all’altra mentre rifletto su che altro potrebbe riservarmi questa strana vita .

Il Passato

E' una curiosa creatura il passato
Ed a guardarlo in viso
Si può approdare all'estasi
O alla disperazione.

Se qualcuno l'incontra disarmato,
Presto, gli grido, fuggi!
Quelle sue munizioni arrugginite
Possono ancora uccidere!

- Emily Dickinson

Wicca

Scende la pioggia

Tu nel tuo letto caldo, io per strada al freddo
ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa,
crolla il mondo addosso a me
per amore sto morendo !
Amo la vita più che mai
appartiene solo a me,
voglio viverla per questo !
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
ora il dolore io non conosco
Quello che mi dispiace è quel che imparo adesso
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget