tempo

Cerca nel blog

mercoledì 21 settembre 2011

Con Odio e con Amore.



In questa stanza che oggi mi sembra più piccola che mai , osservo il mio letto ti rivedo sdraiato al mio fianco . Come in un sogno ad occhi aperti rivedo il profilo della tua nuda schiena , la tua nuca , l'odore della tua pelle mi penetra nelle narici come cosa viva , nelle orecchie rimbomba come un temporale il tuo russare . Poi mi desto e sono sono sola ; lacrime di rabbia , feroci come cani rabbiosi spingono per uscire … odio liquido !.
Alle mie spalle il tavolo tace , ancora un ricordo : noi due sta mattina mentre prendevamo l'ultimo caffè insieme , i tuoi occhi blu sono euforici , brillano ! , ti muovi disordinatamente , mentre ti afferenti a fare i bagagli , e controlli le tue cose , la voce gioiosa mi parla della tua partenza per la Thailandia . La gola si gonfia in un urlo senza suoni :<< li le ragazze avranno cura di me >> , nella mia mete un suono congelato mi martella come un presagio di morte , il mio corpo diventa marmoreo , poi tutto sfuma e riappare lo schermo del mio p.c .
Senza pensare il cursore si muove , apre le foto : noi due alle cascate . Che bella giornata ! , straordinariamente calda per la svizzera . La tua moto sfrecciava sulla strada e io serena dietro di te contemplo il panorama che mi sfreccia sui lati , mentre siamo in fila con gli altri turisti lungo il percorso guidato si chiacchiera del più e del meno , l'acqua che si getta a capofitto dal dirupo ci porta refrigerio , poi la gita sul battello per poter meglio ammirare quello spettacolo che la natura ci offriva . Tutto era perfetto … al putto tale che svanì in un soffio .
I bei ricordi a volte bruciano ancor più che i brutti …. bruciare , si quasi quasi mi accendo l'ennesima sigaretta ! , da sta mattina ad adesso ne ho perso il conto ! , ma fa niente .
La nebbia del tabacco avvolge la mia stanza  , la stessa nebbia che ti ha ingoiato e ora non mi permette di vederti. Nel silenzio ascolto il battito del mio cuore , ti reclama , ti brama , ti AMA e ti ODIA con lo stesso ardore.
Dalla nebbia ricompari nei ricordi , e ti rivedo chino mentre mi aiuti a motore i mobili di casa mia , poi scompari per poi riapparire ; rivedo le mie nottate insonni passate ad aspettarti , mentre tu eri non so dove (nel letto di quale prostituta ti eri perso ?) per poi riapparire la mattina . La bile sale come un onda nello stomaco sfiorando la gola ( Che saporaccio ) mi desta e tu riscompari . La sigaretta è finita e tu riappari : noi due sotto casa mia mentre ridiamo e il sole illumina la nostra giornata . Ora io da sola scruto oltre la finestra , non so quando ritornerò in quel bar. Ci vulve un altra sigaretta , o sarebbe meglio un whisky?.  Cazzo , niente : ho solo birra ! , bella fredda fredda come piace a te ( ma io non riesco neanche a berla , non mi piace !). I rumori della strada mi riportano ancora e ancora la tua voce , alla nostra discussione … tempo a dietro ; mi dicesti di non volermi perdere . Ma non ti accorgi che mi hai già perso preferendo delle prostitute a me ?.
E mentre io lotto per allontanarti per sempre dalla mia vita e dal mio cuore di dedico il mio tormento diviso tra odio e amore .

Il Passato

E' una curiosa creatura il passato
Ed a guardarlo in viso
Si può approdare all'estasi
O alla disperazione.

Se qualcuno l'incontra disarmato,
Presto, gli grido, fuggi!
Quelle sue munizioni arrugginite
Possono ancora uccidere!

- Emily Dickinson

Wicca

Scende la pioggia

Tu nel tuo letto caldo, io per strada al freddo
ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa,
crolla il mondo addosso a me
per amore sto morendo !
Amo la vita più che mai
appartiene solo a me,
voglio viverla per questo !
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
ora il dolore io non conosco
Quello che mi dispiace è quel che imparo adesso
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget