tempo

Cerca nel blog

venerdì 13 maggio 2011

Tormento Notturno.

I miei occhi fissano la pagina bianca di uno schermo , ma se appena li socchiudo rivedo i tuoi , mentre seduti a casa tua ceniamo insieme ... avevi organizzato tutto alla perfezione . Se chiudo gli occhi mi sembra di essere ancora li : mi ricordo perfettamente quando sono entrata la tavola apparecchiata ad arte con tanto di candele , nel mio piatto vi era depositato un regalo , i soldi che ti avevo prestato e una lettera . Per istinto appena mi fai accomodare apro la lettera ma tu mi dici di aspettare . La cena procede bene tu hai cucinato magnificamente come sempre , i nostri temi di conversazione spaziano dal lavoro alla vita all'astratto tutto secondo il copione delle nostre serate rilassanti . Poi approfitto di un tuo momento di distrazione mentre ti recavi in cucina per poter servire un altra portata e leggo la lettera , il solito mi scrivi che sei troppo vecchio per me e che già vent'anni fa avevi deciso di stare da solo e che non avresti cambiato idea proprio adesso sopra tutto per una donna così giovane. 
Quando torni , noti lo spostamento della carta sei stato cosi' veloce da non avermi dato il tempo di nasconderlo e mi chiedi semplicemente se l'ho capita io ti faccio un segno d'assenzo con la testa ma quando cerco di parlare tu repentinamente cambi argomento e io dal mio canto inghiotto a fatica il boccone amaro.
Dopo poco la conversazione torna scorrevole come se nulla fosse successo . Quando ad un certo punto cala il silenzio , i nostri sguardi si incrociano e all'improvviso mi sembri seduto sul fuoco e mi chiedi di uscire per passeggiare. A metà strada , mi accorgo di aver dimenticato tutto a casa tua : lettera , soldi , pendolino di legno che mi avevi regalato . Te lo dico , mi dici di non preoccuparmi che mi avresti restituito tutto , allora io insisto per la lettera  e tu mi rispondi che non era importante ed io ma come se addirittura dovevo tenerla sul comodino per averla sempre in mente !, di nuovo tu mi rispondi che se non al'aveva firmata non contava ed io falsamente ti dico che si l'avevi firmata e tu concludi dicendo che allora si era per me. Ma poi cambi argomento entriamo in un locale dove tenendo mi per mano mi presentì hai commensali come la tua donna. La serata scorre piacevole fino a quando non mi riaccompagni a casa.
Da allora sono sono passate due settimane e di te non ho più avuto notizia . Questa sera , intravedendo tuo fratello e sapendo che doveva tornare dalla Thailandia con il pretesto di lui ti scrivo un SMS chiedendo notizie SMS che tuttora è rimasto senza risposta.
Adesso sento nascere in me una gran rabbia , il pensiero :<< se ti chiama scrivigli : dove sei stato rimani !, i soldi non sono un problema dagli alla Lucia o a qualche altra Gran dama del Mid Way bar (il bar in questione è un bar per prostitute ) sicuramente con quelle non avrai problemi a farti vedere in giro e di sicuro con un piccolo incentivo saranno ben liete di avere un titolo vuoto a perdere o meglio dagli alla mora brasiliana dagli occhi grandi che quando mi vedeva con te i suo occhi mi guadavano con imbarazzo , di sicuro oltre la proprietà gradirà anche il titolo.>>.
Poi rivolgo gli occhi alla tavola della mia stanza e ripenso a quando eri venuto da me per mangiare i ravioli fatti in casa. E allora sono combattuta , la rabbia anche se ancora forte lascia un piccolo varco alla nostalgia che mi tiene sveglia e tormentata e allora non so' piu' che fare a parte accendere l'ennsima sigaretta e fissare lo schermo del mio computer.

Il Passato

E' una curiosa creatura il passato
Ed a guardarlo in viso
Si può approdare all'estasi
O alla disperazione.

Se qualcuno l'incontra disarmato,
Presto, gli grido, fuggi!
Quelle sue munizioni arrugginite
Possono ancora uccidere!

- Emily Dickinson

Wicca

Scende la pioggia

Tu nel tuo letto caldo, io per strada al freddo
ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa,
crolla il mondo addosso a me
per amore sto morendo !
Amo la vita più che mai
appartiene solo a me,
voglio viverla per questo !
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
ora il dolore io non conosco
Quello che mi dispiace è quel che imparo adesso
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget