tempo

Cerca nel blog

domenica 4 luglio 2010

Il mare

Domenica , dovrebbe essere sinonimo di riposo , eppure non riesco a rilassarmi . Strano per una persona che cubie una vita frenetica e iper attiva e spesso si lamenta di non avere del tempo libero e quando ne ho ... Mi annoio ! . Come tutti quelli che vivono nelle grandi città spesso siamo troppo presi dal nostro quotidiano e tralasciamo tutto il resto . Sono in giorni come questo che rimpiango il mio paesino sul mare dove la vita scorre con la campagna e i ritmi lenti della natura e le persone hanno ancora un anima e non sono delle macchine utili solo a produrre profitto .

venerdì 2 luglio 2010

hijo de la luna

Tonto el que no entienda.







Cuenta una leyenda


Que una hembra gitana


Conjuró a la luna


Hasta el amanecer.


Llorando pedía


Al llegar el día

Desposar un calé.






"Tendrás a tu hombre,


Piel morena,"


Desde el cielo


Habló la luna llena.


"Pero a cambio quiero


El hijo primero


Que le engendres a él.


Que quien su hijo inmola


Para no estar sola


Poco le iba a querer."






Estribillo:


Luna quieres ser madre


Y no encuentras querer


Que te haga mujer.


Dime, luna de plata,


Qué pretendes hacer


Con un niño de piel.


A-ha-ha, a-ha-ha,


Hijo de la luna.






De padre canela


Nació un niño


Blanco como el lomo


De un armiño,


Con los ojos grises


En vez de aceituna --


Niño albino de luna.


"¡Maldita su estampa!


Este hijo es de un payo


Y yo no me lo callo."






Estribillo






Gitano al creerse deshonrado,


Se fue a su mujer,


Cuchillo en mano.


"¿De quien es el hijo?


Me has engañado fijo."

Y de muerte la hirió.


Luego se hizo al monte


Con el niño en brazos

Y allí le abandono.




Estribillo




Y en las noches

Que haya luna llena


Será porque el niño

Esté de buenas.

Y si el niño llora

Menguará la luna

Para hacerle una cuna.

Y si el niño llora


Menguará la luna

Para hacerle una cuna.


Il Passato

E' una curiosa creatura il passato
Ed a guardarlo in viso
Si può approdare all'estasi
O alla disperazione.

Se qualcuno l'incontra disarmato,
Presto, gli grido, fuggi!
Quelle sue munizioni arrugginite
Possono ancora uccidere!

- Emily Dickinson

Wicca

Scende la pioggia

Tu nel tuo letto caldo, io per strada al freddo
ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa,
crolla il mondo addosso a me
per amore sto morendo !
Amo la vita più che mai
appartiene solo a me,
voglio viverla per questo !
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
ora il dolore io non conosco
Quello che mi dispiace è quel che imparo adesso
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget