tempo

Cerca nel blog

giovedì 30 dicembre 2010

Tirare le somme

Il 2010 è quasi finito , mi guardo indietro e confido nel futuro . Il sospirato pranzo amdó a gonfiele vele e sua figlia si riveló una persona fantastica , lui in tutto questo tempo si è avvicinato molto , ma solo in forma d'amocozia.
Ora sono a casa dei miei genitori in Italia , in queste brevi vacanze ho avuto tutta la famiglia stretta intorno a me ; ora ho paura di tornare a Zurigo nella mia piccola e solitaria stanza dove tutto ció che possiedo è un lavoro ... Ma mi manca ciò che più conta .

venerdì 15 ottobre 2010

La Cena.

E' giovedì sera ; passeggio tranquilla verso casa , è tardi  e devo correre a dormire , la sveglia è implacabile alle 5 suonerà per svegliarmi come sempre quando ecco che squilla il cellulare .Dentro di me immaginavo che fosse la mia amica Pina , ma no ! , è lui ! è Leo !. Che mi chiede se avevo voglio di cucinare le tante nominate lasagne , ovviamente gli rispondo subito di si !, il cuore mi va a mille , salgo le scale come trascinata dal vento.
Lui verrà a cena a casa mia ! e porterà anche suo fratello e non solo anche sua figlia o meglio la figlia della ragazza con il quale ha convissuto 9 anni in Francia e che lui ha cresciuto come sua .
Cammino su e giu' nella mia piccola stanza , felice come non mai . Poi il panico ! , lui è un cuoco straordinario e io non cucino un pasto completo per un gruppo di persone ora mai da quasi un anno ! haaaaaaaaaaaaaaaaa !, e se non fossi all'altezza delle sue aspettative ? la mia espressione diventa tale e quale all'urlo di munch .
Mi siedo , mi fumo una sigaretta poi prendo il telefono in mano e .... chiamo la MAMMA!. E mi faccio dare tutte le ricette in forma dettagliata ( la pasta al forno , il pollo a rosto con le patate e il tirami su' ). Durante l'intera telefonata mio padre da dietro le spalle di mia madre si muore dal ridere ! . Poi prende la cornetta e mi dice :<< abbiamo vissuto parecchi anni io e te da soli e hai sempre cucinato benissimo , perché sei in panico adesso ? , chi viene a mangiare ?>>. e io zittta;>. Lui ride ancora piu' forte . << si lo so' ...o svizzero>>> io non rispondo , lui << passa una buona serata << ha mi raccomando il vino ... prendilo rosso !>> , io sarà fatto . Li saluto brevemente poi mi metto a dormire. 
arriva il venerdi' e dopo una giornata di duro lavoro corro a casa con chili di spessa , e il cuore in gola.
E proprio in questo momento mentre sto scrivendo sto facendo bollire il sugo , spero che vada tutto per il meglio e che domani sera io riesca a cucinare una cena che piaccia a tutti.

martedì 12 ottobre 2010

IL CONTRASTO !

Le due parti davanti a una tazza di caffè.


P : dimmi la verità , perché ti ostini tanto ?.
 C: in cosa ?.
 P: in tutto ! , non accetti l'evidenza , vedi solo quello che vuoi vedere !.
 C: se lo dici tu ... Io non penso . Seguo i mie obiettivi niente di più .
 P : tiriamo le somme ! ; hai un lavoro di mattina presto che non sopporti , un secondo di pomeriggio che adori : potresti trasformalo al 100 % se solo migliorasti il tuo tedesco ... E ... 
C : ha basta la solfi predica , va bene . Sono pigro ! . Dimmi qualcosa di nuovo !.
 P : Gli amici ... O meglio la tua cara amica Pina : meglio 100 nemici che un amica così !
 C: ma! .
P: ha questa volta no , mi ascolti !. Ti cerca solo quando ha bisogno , ti parla alle spalle con mezzo mondo . Fa appuntamenti hai quali non si presenta ; ma dico ?, tu sei normale o proprio ci provo gusto a farti prendere per culo ?. 
C: in fondo non é cattiva , a modo suo ... Non credo che lo faccia a posta !
P: In questo ti do' ragione , non lo fa " a posta ", lo fa sul serio e lucidamente !, sei tu che dormi !.
C: io non dormo ... credo fermamente che in ogni persona ci sia del buono e che bisogna lottare per farlo emergere.
P : in ogni persona c'è del buono questo è vero , com'è vero che anche l'ipocrita puo' avere sprazzi d'onestà ; ma non per questo cambia la sua natura.
C : Tutto cambia e puo' migliorare , sei veramente di scarse vedute.
P : Con la ragione , l'auto critica e la logica e l'auto coscienza di se si arriva al cambiamento : ma molti non comprendono ne anche uno di questi criteri e quindi stagnano come l'acqua !.
C : Qui ti volevo ; non è la logica che sprona gli animi , ma l'amore !, inteso in ogni sua forma 
P :  L'amore non possiede logica , quindi non è un fattore detrminante !.
C : quanto ti sbagli , è l'amore che ci spinge verso gli altri , è lui che ci rende sensibili hai bisogni altrui , sempre lui che ci fa afferrare la bellezza anche nello squallore e che ci porta speranza .
P : tutti sentimenti stati d'animo momentanei che non permangono nel tempo. La riflessione su se stessi ci aiuta a comprendere gli altri !
C: su questo punto proprio non ci capiamo !.
P : Allora visto che il tuo argomento principe è l'amore parliamo dell'amore relazionato alla tua vita .
Sei da anni in ballo con un uomo , che non ostante abbia la maturità e la cultura necessaria per reputarlo tale ....  possiede l'instabilità del tempo , un giorno ti innalza al livello degli Dei , altri ti seppellisce come l'ultimo dei mortali . E tu ti dibatti battendo il petto a volte benedicendo il suo nome e altri maledicendo lui e ancora di piu'    
te stesso per il semplice fatto che lo desideri.
C: è vero , lui è il mio dolce tormento !, lui mi dona le amarezze piu' grandi e le gioie piu' squisite.
P : allora se sei "felice" cosi , perché ti tomenti ? , non puoi cambiarlo e questo lo sai bene anche tu.
C : ma io non voglio cambiarlo .... vorrei solo che fosse piu' chiaro con me.
P: ma lui è chiaro !, semplicemente tu non vuoi capire ! , lui ti prende e ti lascia a suo piacimento come si fa con un oggetto , è talmente chiaro da essere visibile agli occhi di un ceco !. Solo una mente lucida agisce in questo modo , quindi come stretta conseguenza non ti ama o sarebbe sordo alla voce della mente come tu lo sei della mia , e sarebbe attanagliatto da tutta quella ridicola confusione di sentimenti  che invece attanaglia te.
C : l'amore non lo si analizza , ne lo si quantifica : non esiste un modo canonico d'amare . Esiste l'amore nelle sue mille sfaccetature , è come un dipinto . La sua ragione d'essre vive in se stesso e nulla di piu'.
P: allora è una forma d'egoismo ! , la continua ricerca di qualcosa che non si puo' ottenere !.
C : è qui che i tuoi occhi diventano ciechi , l'amore piu' grande è dare senza mai pretendere niente in compenso.


Hehe ... che ne dite di alzare gli occhi da questa tazza di caffè e magari di cominciare anche a berla ? , i lunghi dialoghi interiori fanno apparire pazzi !.

domenica 8 agosto 2010

Lacrime

Lacrime ... Scorrono lente e calde sulla pelle come fà un ruscello sul dorso della montagnia . Bagniando i petali della rosa ora mai secca da anni ; al quale niente puó restituire il suo antico splendore , morta ma viva nella forma : tacita testimone di un antico amore che ora raccoglie su di se le lacrime di ció che ne rimane.

domenica 4 luglio 2010

Il mare

Domenica , dovrebbe essere sinonimo di riposo , eppure non riesco a rilassarmi . Strano per una persona che cubie una vita frenetica e iper attiva e spesso si lamenta di non avere del tempo libero e quando ne ho ... Mi annoio ! . Come tutti quelli che vivono nelle grandi città spesso siamo troppo presi dal nostro quotidiano e tralasciamo tutto il resto . Sono in giorni come questo che rimpiango il mio paesino sul mare dove la vita scorre con la campagna e i ritmi lenti della natura e le persone hanno ancora un anima e non sono delle macchine utili solo a produrre profitto .

venerdì 2 luglio 2010

hijo de la luna

Tonto el que no entienda.







Cuenta una leyenda


Que una hembra gitana


Conjuró a la luna


Hasta el amanecer.


Llorando pedía


Al llegar el día

Desposar un calé.






"Tendrás a tu hombre,


Piel morena,"


Desde el cielo


Habló la luna llena.


"Pero a cambio quiero


El hijo primero


Que le engendres a él.


Que quien su hijo inmola


Para no estar sola


Poco le iba a querer."






Estribillo:


Luna quieres ser madre


Y no encuentras querer


Que te haga mujer.


Dime, luna de plata,


Qué pretendes hacer


Con un niño de piel.


A-ha-ha, a-ha-ha,


Hijo de la luna.






De padre canela


Nació un niño


Blanco como el lomo


De un armiño,


Con los ojos grises


En vez de aceituna --


Niño albino de luna.


"¡Maldita su estampa!


Este hijo es de un payo


Y yo no me lo callo."






Estribillo






Gitano al creerse deshonrado,


Se fue a su mujer,


Cuchillo en mano.


"¿De quien es el hijo?


Me has engañado fijo."

Y de muerte la hirió.


Luego se hizo al monte


Con el niño en brazos

Y allí le abandono.




Estribillo




Y en las noches

Que haya luna llena


Será porque el niño

Esté de buenas.

Y si el niño llora

Menguará la luna

Para hacerle una cuna.

Y si el niño llora


Menguará la luna

Para hacerle una cuna.


domenica 13 giugno 2010

Miraggio

Ora che avevo preso coraggio
mi stavo allontanano da te
pensavo di riuscire a seguire la mia strada
un mio cammino
ben lontano dal tuo
pensavo
poi riappari
ma per breve
e poi riscompari
lasciando solo un velo di nebbia
e io non vedo più il mio cammino
e sono di nuovo li
ferma al bivio
aspettando
ancora e solo il tuo miraggio

giovedì 10 giugno 2010

il Caldo

Finalmente è arrivata la bella stagione , il caldo e un ombra di buon umore sui visi della gente . Anche qui dove lo squallore si mischia con il quotidiano a tal punto che nessuno che nessuno ci fa più caso : io mi godo il mio periodo di pace nel poter stare seduta sotto casa senza eccessivi grattacapi , semplicemente scrivendo mentre sorseggio una coca cola .
Boccali di birra gelata volano dalle mani delle tailandesi che con movimenti e sguardi poco equivoci lasciano intendere che sono disposte ad offrire ben altri servizi hai loro clienti oltre al semplice servire hai tavoli . mentre le brasiliane muovendosi a ritmo tirano fuori il loro innato calore .
Mentre le signore si contendono il mercato a colpi di scollature io osservo i loro clienti che chi in maniera estremamente discreta e chi in modo un po' più sfacciato butta il proprio sguardo fra un decoltè ben in vista e una gamba lunga e affusolata . Il solito da queste parti con in più uno strano e serpeggiante buon umore generale che sembra aver contagiato tutti

domenica 30 maggio 2010

Le chiavi .


Sono emozionata , da martedì ho le chiavi di casa mia ! . Finalmente dopo tanto tempo avrò una casa solo per me !

sabato 29 maggio 2010

Il ruggito del Leone

Ieri sono andata a vedere la camera ... mai visto un posto più squallido . Sono solo prostitute e il bagno e la cucina sono in comune , per mia fortuna posso organizzarmi un angolo cottura in camera , ma almeno Ü sicuro al 90% che me la danno : anche se non è proprio quello che voglio . Ma almeno avrei un po` di pace e in fondo è quello che cerco . Uscendo di li ho rivisto Leo , questa volta è lui che mi ha chiamato ; mi ha invitato al suo tavolo e io mi sono seduta anche se non volevo , l`ho ascoltato mentre si congratulava con me per il mio lavoro e la mia futura casa e poi si è anche offerto volontario per aiutarmi a traslocare , in ultimo mi anche invitato domenica sera a cena da lui e che mi chiamava domenica per confermare . L`ho cercato per tanto tempo e ora che lo evito il mio Leone torna a ruggire.

venerdì 28 maggio 2010

Il bambino


Occhi piccoli e assenti , la testolina poggiata dolcemente sul seno della madre e una piccola manina paffuta si agita in aria cercando d`afferrare l`invisibile . Il bimbo seduto di fronte a me sul tram con i suoi dolcissimi occhi blu e quel colorito bianco e rosa Ü il ritratto della vita : Ma non posso osservarlo oltre senza chiedermi come sarebbe cambiata la mia vita se avessi portato a termine la gravidanza , se al posto di quella donna ci fossi io con un tenero fagottino stretto fra le mie braccia . Allora un enorme nodo mi stringe alla bocca dello stomaco e sono costretta a cambiare posto : il ricordo Ü ancora fresco e brucia come una ferita che non vuole guarire

sabato 22 maggio 2010

Il mio migliore amico.

Sono seduta in casa sua , tutti pensano che sono a Como con Pina , in vece sono qui seduta da sola a casa d' Arturo . Lui é mio amico da sempre anche se non ci sentiamo per mesi appena c'é bisogno ci siamo uno per l'altra ; lui che non mi ha lascito mai sola anche quando non sopportavo il mio riflesso allo specchio.
Eppure anche lui che in questo momento ha tanti problemi , non si dimentica mai di me , anche lui alla ricerca di un amore che non trova , quante notti ha vagato con me sulla via delle capre alla ricerca di Leo e quelle poche poche volte che lo abbiamo trovato si é fatto da parte felice della mia gioia . Anche se a volte ridendo mi dice che lui in fatto di uomini ha gusti migliori ; e io controbatto dicendogli che non ha occhi.
Lui é omosessuale e ci divertiamo molto osservando i tipi che passano magari mentre prendiamo un caffè o facciamo spese .
Per quanti giri io possa fare ci ritroviamo sempre e per questo sono grata alla vita , di avermi dato un amico cosi'.

domenica 16 maggio 2010

Ansia



Tu dici di essere mia amica, ma non mi ascolti. Tu dici di capire , ma tenti inutilmente di corrompermi , tu che ti svegli la mattina urlando contro tutto e tutti , che dalla cosa più` piccola ne crei un affare di stato e il tutto per cosa ?. Per avere più tempo per chattare con qualche uomo da portarti a letto in Italia? e io qua scema che copro le tue scappatelle agli occhi di tuo marito e dei tuoi figli , io idiota che mi carico delle tue colpe . Tu mi trasmetti ansia : io non ho più voglia di essere la tua marionetta

venerdì 14 maggio 2010

Il mio tormento

Ho trascorso notti insonni , ti ho cercato in ogni vicolo buoio in ogni locale , ho pianto fino ad non aver più lacrime .
Ti ho cercato sorretta dalla forza della disperazzione come fa un assetato nel deserto.
Ora che con fermezza sto ascoltando il mio orgoglio , ecco che il destino mi gioca uno strano scherzo : ad ogni svolta . in ogni locale ... ora ti vedo .
Tu che tormenti i miei pensieri .
cosa devo fare ?

giovedì 13 maggio 2010

Una luce - Gianna Nannini

A marcia inversa

Sono appena tornata dopo essere uscita con Angelo , mi ha portato nella qui vicina Lucerna . Cercando inutilmente di farmi rilassare : i suoi piccoli occhi nocciola mi scrutavano in continuazzione con aria preoccupata chiedendomi con estrema dolcezza perché della mia aria malinconica . Cosa mi incupiva cosi` tanto .... e io dal mio canto mi arrampicavo sugli specchi con risposte sempre più vaghe . Siamo cosi` simili e cosi` diversi , ci stiamo nascondendo l`uno nell`altra dai nostri problemi . Io che non riesco a smettere di amare il mio Leo e lui che scappa da un matrimonio che sta finendo a suon di minacce , ma so che il nostro è solo un breve passaggio due anime divorate per motivi diversi che trovano nella compagnia dell`altro uno sfogo ... anche se è per un semplice caffè come oggi. Lui mi guarda con gli occhi di chi ama e so che le sue parole sono sincere . Ma dentro di me so che non durerà .... e penso che nell`angolo più razionale della sua mente brilli la stessa consapevolezza . Due anime che guidano a marcia inversa per nascondersi da ciò che in realtà è inevitabile

Uno sguardo

Sorseggio il mio cappuccino serena mentre mi sto leggendo un libro al Werkhof‎ ; la prima colazione serena dopo tanto tempo . Quando d`improvviso appare lui , lo sento dal mio posto nel fumer , alzo discretamente lo sguardo .... si è lui , il mio Leo . Quanto tempo è passato , il cuore accelera fino a battermi in gola , e un leggero tremito mi scuote da capo a piedi . Faccio finta di niente , continuo a fumare la mia sigaretta concentrandomi sul mio libro senza mai guardare nella sua direzione , è con suo fratello , per quanto mi sforzi di stare serena non riesco a concentrarmi sulla lettura . Allora chiedo distrattamente il conto alla tailandese che sta servendo il tavolo a fianco , mi rimetto il giubbotto : per uscire sono obbligata a passargli a fianco quindi lo saluto cortesemente e mi dileguo .
Ora seduta qui con il cuore in gola mi chiedo se riuscirò mai a dimenticalo.

domenica 9 maggio 2010

I mie due cuori .


Il tuo spirito in pace da anni riposa sereno sul fonde del lago . Ora quella malattia , che ti spaventava tanto e che tu hai cacciato con un tuffo nel più profondo blu non esiste più . A me resta solo un vago ricordo , un sorriso , la vaga sensazione del profumo della tua pelle ... un lontano eco della mia infanzia . Il colore dei tuoi occhi ... ancor più belli del lago che hai scelto come tua ultima dimora . Grazie Nonna : per essere stata la mia mamma per i mie primi sei anni di vita. Grazie a te mamma ; per aver sopportato una figlia irrequieta , agitata dentro come il mare in tempesta ... permalosa e ostinata ( ma quello lo sei anche tu). Rivedo alcune tue vecchie foto da ragazza e in te mi rispecchio in parte . Grazie per la tua dolce presenza , per le tue premure , per le mille litigate .... per tutte le volte che hai pianto a causa mia. Grazie hai mie due cuori che mi hanno dato la vita .

The Promise - Michael Nyman

venerdì 7 maggio 2010

Sono stanca

Mi sveglio tutte le mattine alle 5 per presentarmi a lavoro alle 6:15 , dove faccio 6 ore da bidella e finito quelle ho a mala pena il tempo di un caffè che all`una mi aspetta no altre 4 ore nell’archivio di un ospedale .... fosse finita qui andrebbe anche bene . Peccato che dopo ho a mala pena il tempo di fermarmi per un altro caffè che devo presentarmi al bar della mia amica Pina .... e li solo non si sa mai quando si finisce.
Va bene mi ospita e non pago l`affitto, ma io sono stanca non ho un giorno itero libero , ma ne anche una mezza giornata 0 ! Suo marito è in ferie e lei parte tutti i fine settimana per l`Italia ! dai suoi vari "amici" .... ma il qui presente asino è stanco di dormire 3 -4 ore per notte ! , ho tutti i fine settimana il peso di un itero locale sulle mie spalle .... e io ..... io vorrei fare come tutti . Andare ad un cinema o a ballare o semplicemente una pizza tra amici a casa .... sono stanca .
Tutti i miei colleghi vedono in me una donna forte , una grande lavoratrice , le ragazze la mattina dicono che ho un energia pazzesca perché scherzo sempre .... ma non capiscono che è solo una facciata .
Che mi serve per tirare avanti e non abbattermi . Voglio solo un po` di pace .... non chiedo tanto solo un minuto per me .

domenica 2 maggio 2010

Gianna Nannini -Bambolina-

Vetrine.

Sogno , guardo le vetrine e immagino la mia tanto sospirata casa . Sogno la libetà ... quella vera fatta di cose semplici , nella gioia di avere un nidi sicuro dove poter dire il mondo è chiuso fuori e io sono qui dentro al sicuro . Allora mi fermo davanti ad una vetrina e osservo un divano e penso che sarebbe perfetto per poter leggere un libro tranquilla .... voglio una vitta semplice fatta di piccole cose , piccoli sogni ma che danno sapore a tutto .

sabato 1 maggio 2010

werkhof

La voce del silenzio ... ora qui al werkhof rivedo il mio passato . Ma non sò immaginare il mio futuro . Immagino certo quello che vorrei fosse la mia casa ma ... niente di più` , vorrei scappare lontano e ricominciare tutto da capo . Ma non si può sempre scappare , a volte la vita va affrontata anche quando non rimane più niente per cui lottare ma solo il fantasma di una donna che non sa più dove sta andando . Allora qui seduta nel mio silenzio cerco la risposta in ciò che mi è noto , nelle mie banali abitudini e negli occhi degli sconosciuti.

venerdì 30 aprile 2010

Il ricordo di te ....

Il ricordo di te ... Mi consola quando sono sola , mi trattiene in questa terra di ghiaccio .... Ora mai senza alcuna speranza . Allora ti prego : dimmelo tu , mio dolce sogno svanito che ne devo fare di me stessa ? , perché io senza di te mi perdo nella mia ombra . Dimmelo tu che vedi lontano ; io ora mai non vedo più niente , sento solo un vuoto nel quale risuona il tuo nome come un canto lontano che ora mai non mi appartiene più.

venerdì 23 aprile 2010

Un Rimorso , un rimpianto , un illusione .

Rivedo gli occhi di Gaetano : innamorati , peresi che mi fissano . Un ragazzo speciale con un cuore d`oro . Forse quello che mi ha regalato più amore e affetto di tutti in tutta la mia vita : sempre attento e vicino . Un ragazzo calmo e sereno , dolce con il quale parlare e condividere le mie passioni .... che mi ha dimostrato solo amore ma che io non ho saputo apprezzare . Questa sera nel bara che Ü il mio CIM privato è apparso Angelo , un uomo forte , deciso e maturo .... ma anche dolce e comprensivo ; lui mi ha dato donato tanta saggezza , un profondo affetto incondizzionato ... che non ostante io lo abbia lasciato lui persiste costante al mio fianco , in ogni momento di paura e incertezza ... Lui è li e non vuole niente in cambio , perché non lo amo ?.
Ma in fondo a tutto persiste lui, il mio sogni : l`illusione che non vuole morire ma brilla dal profondo del mio cuore . Il mio Leo , il mio fantasma ... il mio più grande amore ..... la mia più grande illusione .

lunedì 12 aprile 2010

Cioccolato caldo

Sorseggio un cioccolato caldo e scrivo ... il suo sapore dolce mi riporta all`infanzia a quello che mi faceva la mia madre . Ora sogno di potermelo gustare in una casa solo mia , un piccolo nido solo per me e forse da condividere un giorno con una persona da amare . Ma questo è lontano ... mi accontento delle piccole cose , in fondo non voglio tanto ma solo un po`di pace .

domenica 11 aprile 2010

Tradimento

Apri gli occhi e il mondo si dissolve : non ci credi ma è vero . La persona di cui più ti fidavi  ti ha tradito , la tua migliore amica colei al quale hai aperto il tuo cuore per anni ... è la causa dei tuoi guai ; la gelosia , che brutta malattia . Ha usato ogni confidenza contro di me per allontanarmi da chi amavo .... Come ha potuto ? proprio a me che l'ho sempre appoggiata in tutto ?. Mi giro la osservo mentre scrive al p.c e mi riempie la testa di chiacchiere inutili , e mi chiedo se ho mai veramente conosciuto la persona con cui ora sto vivendo o se ha sempre portato solo una maschera .

giovedì 8 aprile 2010

Monotonia

Questa sera nel piccolo circolo viziato che è il bar della mia amica Pina per fortuna non c`è nessuno : sono stanca . Più che nel corpo nella mente , le mie buone 10 ore di lavoro le ho già fatte e per oggi non ne voglio di più . Forse è da matti ma a volte la vita mi sembra che si riduca a lunghi giorni di tristezza e dolore con brevi sprazzi di pura gioia .... Ma il resto è noia e monotonia .

domenica 4 aprile 2010

Stella Alpina

Seduta in un angolo dello Stella Alpina osservo la vita degli altri è sempre la stessa storia : prostitute e clienti . Prede e predatori che si rincorrono cambiandosi i ruoli in questo balletto di anime morte . In questa valle disperata disperata cercavo il mio Leo : la mente vola all`ultima volta che l`ho visto ; che salutandolo con un abbraccio gli dissi : < bene="">> . Ora mi suona come un addio , eppure lo rivedo li ; appoggiato al bancone , rivedo i suoi occhi e la profondità del suo sguardo che mi scruta li ... nei meandri più profondi della mia anima : dove nessun altro è mai arrivato e forse arriverà mai . Ma è solo un ricordo : ora sono sola in questa danza di spiriti che osservo seduta in angolo l`eterne lotta che non ha mai ne vinti ne vincitori , ma solo vittime .

Il bivio

Una nuova sensazione nasce nel mio cuore ... un brivido che mi ero scordata che cosa significasse .
Il sorriso che ti sveglia la mattina , l`emozione che si prova quando senti che se pur lontano fisicamente qualcuno ti pensa . Che finalmente io abbia trovato la via che porta alla felicità ?.

mercoledì 31 marzo 2010

05:30 della mattina

Le strade sono ancora buie . Mentre salgo sul bus che mi porterà a lavoro ; le poche facce presenti sono assonante e stanche , danno una rapida occhiata al giornale qualcuno cerca di svegliarsi ascoltando della musica e io ..... accendo il mio lettore mp3 e cerco di fare altrettanto ... mi godo il panorama anche se è lo stesso di tutti i giorni , ma è sempre strano vedere il cambio d'ambiente da dove vivo al centro città . Il mio è un quartiere cosi' detto malfamato pieno di case d'appuntamento , prositituzione , droga e tutto quello che viene denominato sotto la voce di male . Io dico che è un quartiere di disperati ... di poveri resi ancora più poveri dai ben pensanti che vengono qui a sfruttare la situazione . Vivo nel rifugiu peccatorum della città , un posto che quando lo nomini tutti fanno una faccia schifata ... ma dove tutti vanno alla ricerca di trasgressione e divertimento a poco prezzo . Io dal mio canto amo e odio il mio piccolo strano nido , con tutti i suoi pittoreschi abitanti dal quale non mi riesco a staccare e a giorni invece vorrei scappare .

domenica 28 marzo 2010

La pioggia

La pioggia che cade lenta sulla mia amata e solitaria Zurigo calma i mie nervi tesi in questa noiosa e vuota domenica .
Scende lenta senza fretta in questo mondo che corre a vuoto , placida ci costringe a rallentare ... a pensare ; amo passeggiare senza ombrello sotto la pioggia ; sentire l'acqua che lentamente mi scivola sulla faccia , il mio passo rallenta e tutto è più sereno e lento .
La tempesta che mi scuote da dentro trova momentaneamente pace mentre percorro lentamente le strade affollate della langstrasse , per anni ho percorso questa strada alla ricerca di colui che ho amato ......... lui il mio leone . Quanti locali ho visitato cercando un suo solo sguardo ; ora che è caduta ogni illusione e ogni speranza e ora mai riposta : vago con la sola forza dell'inerzia e invece di cercare lui cerco di recuperare me stessa .

Il Passato

E' una curiosa creatura il passato
Ed a guardarlo in viso
Si può approdare all'estasi
O alla disperazione.

Se qualcuno l'incontra disarmato,
Presto, gli grido, fuggi!
Quelle sue munizioni arrugginite
Possono ancora uccidere!

- Emily Dickinson

Wicca

Scende la pioggia

Tu nel tuo letto caldo, io per strada al freddo
ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia ma che fa,
crolla il mondo addosso a me
per amore sto morendo !
Amo la vita più che mai
appartiene solo a me,
voglio viverla per questo !
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
ora il dolore io non conosco
Quello che mi dispiace è quel che imparo adesso
ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia...
Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget